18 Settembre 2020
News
percorso: Home > News > Calcio
www.santeustorgiocalcio.sitoper.it

il confronto: testimonianze

02-04-2008 - Calcio
Messaggio del mister:

Saluti a tutti,
nel rigrazziervi del bell´incontro di ieri volevo riassumere quanto è emerso:
Il primo pensiero che vorrei sottolineare e che tutti hanno riportato è che esiste una solida unione del gruppo e non esistono problemi di natura personale .Questo anche grazie (e tutti avete confermato) agli incontri che facciamo al difuori dei momenti puramente tecnici.
Su questa unità dobbiammo costruire il futuro della nostra squadra.
L´altro aspetto che porto a casa e che emerge da tutti voi è quello del troppo parlare in campo e della superbia di ognuno di voi.
Questo direi che è il punto su cui dobbiamo lavorare (ce ne sono molti altri ma direi che è meglio affrontarne uno alla volta). La superbia o la troppa sopravalutazione di sè sono l´elemento trainante che ci permettere di parlare sempre male dell´altro o di vedere sempre gli errori degli altri e mai i nostri.
Un punto che vi accomuna è sicuramente quello del capitano. Tutti lo riconosco tale ma tutti alla fine chiedono più personalità da parte sua in campo.
Per ultimo lascio il pensiero sull´allenatore.La maggiranza chiede piu
Fermezza e meno passionalità. Questo elemento sarà tenuto da subito in
considerazione e visto che è voluto da tutti voi non dovrebbe portare
> alla partdita di nessuno ;-) Per il resto io comunque mi proporro di mettervi la museruola ma non il guinzaglio perchè ritengo che a volte i puro sangue non possono essere imbrigliati.......................
Bene per finire direi che il nostro cammino parte da un gruppo unito,fatto di personalità forti che devono mutare la superbia in umiltà e aiuto reciproco e da una leader che con la fermezza stimuli l´impegno di tutti

Fabio:

Sono stato l´ultimo a parlare, e vista la fretta per chiudere l´incontro non sono riuscito a dire alcune cose.
> te hai preso appunti e ti è risultato che tutti (in verità la maggioranza) si sono almentati del troppo parlare in campo.
> Questo è un punto che non mi è ben chiaro. Che cosa significa parlare troppo? Le persone che hanno espresso questo "malessere" a cosa si riferiscono? e soprattutto A CHI SI RIFERISCONO?!? Visto che la serata si è basata sul tema del "CONFRONTO" bisognava fare dei nomi!perchè il problema va giustamente "sollevato" MA subito dopo deve essere INDIVIDUATO!
> parlare genericamente non serve a nulla..perchè non tutti hanno una coscienza forte come altri e non tutti hanno la stessa dose di umiltà per fargli capire che si sta sbagliando.Riguardo alla superbia e alla propria sopravalutazione non concordo per niente.. perchè sono 2 parole che non ho per nulla riscontrato nel nostro gruppo..Come spiegavo a zibi i vari commenti fatti sul nostro campionato (confrontato alla FIGC) non sono fatti assolutamente con una base di superbia o sopravalutazione, ma bensì da un fattore di abitudine.
La gente che ha giocato fino a poco tempo fa in un altro campionato era abituata ad un certo agonismo e ad un certo comportamento che nel CSI non ha ancora riscontrato. le parole che ha espresso Roberto ieri sera erano le stesse che pensavo io 4 anni fa..e le ha dette perchè fino a novembre lui giocava appunto in FIGC.
ora le cose sono cambiate perchè sono entrato più a fondo nel nostro progetto e ho capito che quei valori tanto importanti nella FIGC, nel nostro campionato sono, se non in fondo, non al primo posto della lista (spero di essere stato chiaro). Riguardo il capitano confermo quello che hai scritto, servirebbe solo (e sottolineo SOLO) un pò più di personalità in campo, niente di pù, perchè fuori dal campo è IL punto di riferimento per qualsiasi membro della squadra.Concludendo, credo che l´incontro di ieri sera non si è totalmente chiuso, visto che, per quanto mi riguarda, la gente con cui volevo avere un riscontro non era tutta presente.

Il capitano:

Cari amici,
parto subito col ringraziarvi perché credo che abbiamo affrontato con discreta chiarezza il tema del confronto. Personalmente, e come Fabio, non credo ci sia stata poca umiltà. Personalmente, ogni avversario che affronto per me vale sempre dieci. E credo che, aldilà dell´ultimo sabato, siano stati forse solo altri due i passaggi a vuoto, mentali, nel corso delle altre gare di campionato. Quindi non credo che ci siamo sopravvalutati; è vero che volevamo vincere il campionato, non ci siamo riusciti ma abbiamo fatto cose egregie. In più concordo con Alex: non siamo pronti per la serie A; forse con un gruppo sempre di almeno 20 persone sì, ma per come sono andati alcuni tratti di questa stagione no. In più necessita più costanza e impegno nell´unico allenamento settimanale che abbiamo. Vorrei che usassimo il torneo Rondinella anche per cercare di provare soluzioni di gioco e ruoli che l´anno prossimo ci possano servire a essere subito competitivi in campionato. Il gruppo non verrà stravolto e questo credo ci aiuterà. Cercherò di essere il primo, visti i miei errori e limiti, a impegnarmi a essere più sereno in campo, incitarvi e soprattutto giocare a due tocchi senza intestardirmi. Vi ringrazio per i consigli che mi avete dato e lavorerò sugli aspetti che mi avete indicato, perché un capitano ha bisogno della sua truppa per navigare verso grandi traguardi. All´incontro sono mancati alcuni elementi, come ha sottolineato Fabio, ai quali in effetti sarebbero state dette due paroline... Però concludo ancora con un grande grazie, perché stiamo costruendo davvero una bella villetta...ora ci manca da metterci la piscina, l´angolo grigliate e curare meglio il giardino...ma noi siamo pronti e lavoriamo per questo....

Realizzazione siti web www.sitoper.it