29 Novembre 2020
News
percorso: Home > News > Calcio
www.polpenazzecalcio.it

cinque per mille

14-07-2008 - Calcio
Cinque per mille, Governo d´intesa con la LND - 14/07/2008
Il Presidente della Lega Nazionale Dilettanti, nonchè Vice Presidente della Federazione Italiana Giuoco Calcio, Carlo Tavecchio, ha espresso viva soddisfazione per le rassicurazioni ricevute dal Governo in ordine al mantenimento del cinque per mille a favore delle società sportive dilettantistiche:
"Prendo atto dell´atteggiamento assunto al riguardo dall´Esecutivo - dice Tavecchio- che si è mostrato sensiibile alle esigenze del mondo dello sport dilettantistico con il mantenimento di un provvedimento ritenuto di fondamentale importanza per il sostegno delle migliaia di società che svolgono attività di volontariato."

Di seguito l´intervento allarmato di Tavecchio del 10 luglio scorso:
Torna l´allarme 5 per mille per lo sport dilettantistico: da quanto si apprende in questi giorni, infatti, il Governo ha proposto un emendamento alla manovra d´estate con il quale, pur confermando la possibilità per i contribuenti di destinare una quota dell´imposta dovuta all´erario alle associazioni di volontariato, ha eliminato dall´elenco dei soggetti beneficiari le associazioni sportive dilettantistiche in possesso del riconoscimento ai fini sportivi rilasciato dal CONI a norma di legge. Il Presidente della LND e vicepresidente Figc Carlo Tavecchio lancia l´allarme su una norma che rischia di penalizzare pesantemente i club che svolgono attività sportiva di base, a livello dilettantistico, giovanile e amatoriale: "Siamo sconcertati da quanto sta emergendo, perché in questi ultimi anni i precedenti governi avevano permesso alle associazioni sportive, che svolgono un´opera sociale sul territorio di estrema rilevanza, di accedere ad una fonte di finanziamento fondamentale per la loro esistenza". "Se il buongiorno si vede dal mattino - prosegue Tavecchio - il primo provvedimento del nuovo governo sullo sport taglia subito i fondi al settore dilettantistico, nonostante finora la norma avesse ricevuto consensi bipartisan. Questa politica fiscale non prende in considerazione un settore che rappresenta oltre quindici milioni di cittadini praticanti (di cui 1,5 milioni solo nel calcio) e contribuenti in tutta Italia, che non vedrebbero riconosciuto uno strumento sussidiario alla propria attività." "Chiediamo al Governo - conclude Tavecchio - di riconsiderare questa indicazione, che altrimenti avrà conseguenze pesanti sul mondo del volontariato sportivo. Sul 5 per mille la LND e tutto il sistema calcio dilettantistico si schiererà compatto, fino a considerare la possibilità di sospendere i prossimi campionati".



IL 5 PER MILLE DELL´IRPEF. La questione dell´accesso al 5 per mille dell´Irpef a favore, anche, delle associazioni sportive dilettantistiche è ormai da due anni al centro del dibattito politico sportivo: la norma, introdotta con la Finanziaria 2006 poi confermata da quella del 2007 e 2008, è stata più volte al centro dell´attenzione. Già in passato, infatti, sulla questione c´era stata una vera e propria querelle: un´interpretazione dell´ Agenzia delle Entrate aveva bloccato le richieste presentate, costringendo il Governo ad inserire nel decreto legge collegato alla Finanziaria un emendamento con il quale si ammettevano al riparto del 5 per mille dell´IRPEF anche le "associazioni sportive diletantistiche in possesso del riconoscimento ai fini sportivi rilasciato dal CONI a norma di legge". Questo passaggio, ripetuto per due anni nel decreto collegato alla Finanziaria, aveva così salvaguardato l´agevolazione per il periodo di imposta 2007 e 2008.



Fonte: www.lnd.it

Realizzazione siti web www.sitoper.it